HTML5: parliamone

Da oramai parecchio tempo non si fa altro che parlare insistentemente di HTML5. Spesso, molto spesso, leggo che l’HTML5 decreterà la fine di Flash, ma pochi fanno chiarezza sui perché e soprattutto su come avverrà questo… Siamo sicuri davvero di aver capito cosa è questo “sconosciuto”? Siamo sicuri di conoscere a fondo quali sono le novità e i vantaggi che ci porta questa nuova tecnologia?

Cosa è HTML5?

HTML costituisce la base fondamentale del web. I siti non sono altro che pagine HTML collegate tra loro tramite link. Il vero lavoro di rendering è fatto dai browser, che processano il codice contenuto nelle pagine. E’ assurdo pensare che un browser “primordiale” possa dare gli stessi effetti che da una versione più recente e questo grazie agli standard che ogni browser (chi più chi meno) dovrebbe supportare. Questi standard sono studiati e approvati dal W3C, un’associazione con lo scopo di migliorare gli esistenti protocolli e linguaggi per il web. HTML5 si propone come evoluzione al linguaggio attuale, quello oramai più supportato da tutti i browser moderni (e quindi quello che dovrebbe essere utilizzato per una migliore compatibilità): HTML 4.01. L’attuale mondo di HTML 4.01 è oramai un linguaggio “vecchio”, gli utenti chiedono esperienze web migliori, giorno dopo giorno. HTML5 è stato sviluppato inoltre, per risolvere alcuni problemi relativi a HTML4 e XHTML, in modo da poter far crescere il web, facendolo diventare più sofisticato, come il popolo del web richiede.

Quali sono i punti di forza di HTML5 e Flash?

Tornando ancora una volta indietro nel tempo, ricordiamo che per ottenere alcuni effetti particolari (azioni, movimenti, transizioni) si era quasi obbligati a implementare Flash tra le nostre pagine. Oggi, con la crescita e la maturazione di HTML (e l’implementazione di javascript), possiamo ottenere effetti e azioni molto simili a Flash, ed in alcuni aspetti anche migliori (velocità di caricamento e nessun uso di plugin di terze parti per il browser).

HTML5

Se un tempo si sceglieva Flash per la creazione di gallerie, il drag and drop e presentazioni, oggi tantissimi designer scelgono tranquillamente il javascript (jQuery principalmente) per ottenere effetti analoghi e, come ho già detto prima migliori, grazie al fatto che tutti i browser moderni supportano javascript senza alcun problema.

C’è da dire d’altra parte, che Flash la fa ancora da padrone nel campo dei giochi online. Infatti se anche HTML e javascript sono in grado creare applicazioni interessanti, Flash resta padrone indiscusso grazie al suo codice molto più adatto allo sviluppo dei giochi.

Come ho detto in precedenza HTML5 porta una ventata di novità nel campo della progettazione e del markup delle nuove pagine web, basti pensare ai nuovi tag che introduce: <video>, <audio>, <canvas> sono solo alcuni dei tag introdotti in questo nuovo linguaggio. E con la crescita di HTML5 bisogna introdurre anche un altro argomento fondamentale: CSS3, indispensabile per ottenere effetti unici. Vogliamo ricordare solo i più importanti come: “border-radius” che ci permette di ottenere angoli arrotondati, “@fotface” utile per visualizzare font personalizzati, “text-shadow” che crea un effetto ombra direttamente nel nostro browser, “column” per il supporto delle colonne multiple e tantissimi altri ancora.

Strumenti per sviluppare

Da qualche tempo, Adobe ha rilasciato un’estensione per Dreamweaver CS5: HTML5 pack. Questa purtroppo non è una implementazione completa del nuovo codice nel software di casa Adobe, ma comprendere semplicemente dei tag di uso comune ed una serie di template pronti da utilizzare.

Adobe Labs-html5 pack

Adobe Labs - HTML5 Pack

Essendo ancora un linguaggio in fase beta, sarà difficile trovare un’applicazione che implementi tutte le funionalità, possiamo aiutarci però scrivendo a mano il codice che ci interessa, per questo motivo vorrei segnalare questa ottima risorsa di Antonio Lupetti. Si tratta di una Cheat Sheet con tutti i tag più importanti, per non perdere la bussola mentre scriviamo il nostro codice.

Cheat Sheet HTML5

Woork - Cheat Sheet

Curiosità

The HTML5 Test è una simpatica applicazione web che, a mo’ di gioco, assegna un punteggio al nostro browser in base alla compatibilità agli standard HTML5. Fate una prova anche voi.

HTML5 Test

HTML5test.com

Conclusioni

Alla luce di quanto detto possiamo sostenere senza dubbio che l’uso di Flash è ancora la miglior scelta in determinati casi, mentre ci sono situazioni dove è possibile cominicare a sviluppare un discorso utilizzando HTML5 in altri. Flash non sparirà dalla scena, almeno per molto tempo ancora, ma sarà meno indispensabile per realizzare siti web e per la diffusione di video.

4 pensieri su “HTML5: parliamone

  1. GaSe

    La W3C, la settimana scorsa se non ricordo male ha ribadito che l’HTML5 ancora non è pronto e che usciranno nuove specifiche che andranno a cambiare molte cose che adesso sono divulgate.
    Io attenderei ogni analisi e utilizzo, quando sarà più maturo.

    Flash ha i suoi pro e contro come in ogni cosa della vita e solo una questione di scelta.

    Replica
    1. MarcoDedo

      Come ho ricordato nell’articolo: HTML5 è ancora in fase beta, questo per permettere al W3C di effettuare tutti i test necessari prima del lancio definitivo del codice. Non volevo fare un articolo “definitivo“, ma fare un po’ di chiarezza e rispondere a quelle persone che mi chiedono se e quando Flash sparirà dal web. Personalmente a me piacciono le animazioni in Flash e credo che attualmente è davvero difficile creare animazioni simili (mi riferisco a quei siti spettacolari che trovi su the fwa) senza Flash. D’altra parte Flash, come ricorda Apple, è un framework chiuso, che rende davvero difficile (se non impossibili) tantissime operazioni basilari del web, tra cui l’indicizzazione da parte dei motori di ricerca, e se davvero, come sostiene qualcuno, non si può trovare rimedio, allora il web sarà costretto ad evolversi e cercare nuove strade (forse proprio HTML5). Al momento a me piace realizzare siti ibridi, cioè pagine xhtml/css con elementi in Flash che rendono l’impatto grafico più gradevole, proprio perché vuoi o non vuoi, agli utenti (e soprattutto ai miei clienti) piacciono le animazioni. E’ per questo che, come ho concluso nell’articolo, credo che Flash ha ancora tanto da vivere e se forse domani non lo useremo tantissimo per i nostri siti, lo continueremo ad usare per altri scopi dove, sinceramente, è ancora ineguagliabile.

      Replica
  2. Christian de Miranda

    Scusate l’intromissione, giusto due appunti 😛

    In primis HTML5 non è affatto in Beta, è addirittura un draft, ovvero una bozza di definizione di linguaggio. Ciononostante è già superiore a Flash in molti campi, basti provare Internet Explorer 9 beta che implementa l’accelerazione hardware sul rendering, compreso quello HTML5…e le performance sono senza eguali.

    Inoltre, contrariamente a ciò che generalmente si pensa (e che leggo in rete), il campo in cui Flash è più “al sicuro” non riguarda le animazioni (che anzi saranno presto superate), bensì su quelle caratteristiche tipiche degli ambienti client/server come ad esempio i socket,lo streaming,accesso all’hardware ed integrazione con il desktop; d’altronde Flash NON è un framework (lo poteva essere agli albori dell’ActionScript), ma una piattaforma vera e propria con tanto di ecosistema.

    Per quanto riguarda il futuro, spero si muovano a standardizzare il linguaggio, bisogna imparare dagli errori passati ed evitare che il rallentamento della definizione possa favorire l’inserimento di “soluzioni” proprietarie che poi condannano i poveri web designer (e anche developers :P) a passare più tempo con gli adattamenti che al lavoro vero e proprio.

    Visto che sono qui, sfrutto questo spazio dell’amico Marco per segnalare un sito molto carino che riprende gli elementi HTML5 in una vera “tavola periodica”.

    http://joshduck.com/periodic-table.html

    Un saluto e lunga vita all’HTML5 🙂

    Replica
    1. MarcoDedo

      Grazie Christian per i tuoi appunti, è ovvio che quando parlavo di Flash come un framework, intendevo dire che è un “ambiente chiuso” in cui si possono trovare, immagini, media e codice di programmazione che di certo non dialogano con il resto dell’HTML.

      Continuo a sostenere però, che il momento in cui Flash diventerà superfluo (io parlo per il mio campo: di web design) per animazioni di impatto fruibili a tutti gli utenti , è ancora molto lontano, perché lasciando stare tutti i discorsi più tecnici, non sono i linguaggi di programmazione (in questo caso HTML5) o i browser di ultima generazione a fare la differenza, ma la compatibilità con i browser.

      E’ sbagliato pensare che se tutti i produttori di browser hanno sviluppato e messo sul mercato un prodotto perfetto sotto il punto di vista della compatibilità dei linguaggi ordirei, finalmente tutti i problemi sono stati superati. Posso assicurarvi che c’è gente che naviga ancora con Internet Explorer 6 e 7 (il 35% delle visite a questo blog sono effettuate con questi due browser) e non ha nessuna intenzione di aggiornarlo, ma al tempo stesso con il plugin Flash aggiornato alla versione 9 o proprio la 10!!

      Dal canto mio (come web designer), al momento, anche alla luce delle ultime release di Safari, Internet Explorer ecc., preferisco comunque sviluppare un sito ricco di animazioni (che deve essere molto di impatto) con Flash ed essere abbastanza sicuro della sua compatibilità, anziché usare HTML5 che potrebbe essere visto solo da chi ha aggiornato il proprio browser all’ultima versione.

      Grazie ancora Christian, come al solito, il tuoi interventi sono sempre di un ottimo livello tecnico e sono sempre felice quando trovo un tuo commento sulle pagine del mio blog.

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *